Julia Deck,Viviane Élisabeth Fauville, Adelphi

Il romanzo, ambientato a Parigi, inizia con lei che uccide il suo psichiatra. Il romanzo è ben scritto, non usuale e piacevole, ma la vittima è indicata come “analista” persino in quarta di copertina, invece lui le dà farmaci e non la ascolta…spiace che persino Adelphi, ormai, scivoli su queste imprecisioni. Comunque alla fine non manca un (superfluo) colpo di scena: che si venda meno se non c’è? A mio parere sarebbe stato meglio senza.

Questa voce è stata pubblicata in Segnalazione Libri e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>