La musica segreta. Vivaldi e le fanciulle della Pietà

Antonio Vivaldi

Da Angela Peduto, psicoanalista a Bologna

A Venezia, nell’Ospedale della Pietà, in pieno barocco, un’orchestra femminile mette in musica le partiture che Antonio Vivaldi, sacerdote che non dice messa, violinista virtuoso e compositore destinato a diventare celebre, scrive per le musiciste. Sono bambine abbandonate alla nascita, che hanno ricevuto un’educazione musicale e sono divenute virtuose celebrate in tutta Europa. Esse hanno ricevuto solo un nome di battesimo, in seguito hanno preso il nome dello strumento che suonano o del registro della voce. È lo strumento, o la voce, che dà loro un’identità.

Il rapporto di Vivaldi con l’orchestra femminile della Pietà attraversa tutta la sua parabola esistenziale e creativa, dall’esordio a 25 anni fino a un anno prima della morte, avvenuta a Vienna in circostanze misteriose, ed è qualcosa che resterà un fatto unico nella storia della musica.
A partire da qui la psicoanalisi, ponendosi all’ascolto della musica, dipana il suo filo: congetture, suggestioni, la cui forma è suggerita dai dettagli biografici e dagli effetti che la musica stessa suscita. Di queste congetture non si pretenderà che siano né veritiere né compiute, giacché su questo terreno gli psicoanalisti debbono avventurarsi con discrezione, pur sapendo che la musica, come ogni altra espressione umana, scaturisce dal corpo e dalla psiche, esprime sentimenti e desideri.
La storia di Vivaldi con le sue musiciste è il punto di partenza per esplorare il rapporto del Prete Rosso col femminile della sua soggettività e della sua propria storia. Si sosterrà che di tale rapporto reca traccia l’intera sua produzione musicale.
C’è nella musica, come nel femminile, una zona d’ombra che resiste ad ogni interpretazione. Lo psicoanalista sa di doversi arrestare sul bordo di qualcosa che continuerà a rimanere inafferrabile. Tuttavia egli non rinuncerà a cercare, errando tra due mondi, quello musicale e quello psicoanalitico, forse meno distanti di quanto si possa pensare.
Non parole sulla musica, dunque, ma accanto alla musica, per restituirci un Vivaldi più vivo e meno logorato dal consumo consueto delle sue Stagioni.

Museo internazionale e biblioteca della musica di Bologna
Palazzo Sanguinetti Strada Maggiore, 34    Bologna
Sabato 11 febbraio 2012, ****** spostato al sab 14 aprile causa neve
ore 16.30 – 18.30 ingresso € 4
Angela Peduto, psicoanalista
Suoneranno i musicisti della Cappella Musicale di San Domenico.

Questa voce è stata pubblicata in Vocalità e Musica. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>